zukkastore.it
Home Page Contattaci
Home Chi siamo Cosa offriamo Contatto Privacy policy

Sei in: Animazione e spettacolo

Argomenti
Perchè gli animatori
Professionisti del tempo libero
Dove operano gli animatori
Animazione e spettacolo
Animazione turistica
Animazione teatrale
Animazione e musica
Animazione socio-culturale
Animazione negli ospedali
Altri contenuti
Formazione
Approfondimenti
Tirocinio e stage
Impegno sociale
La nazionale calcio animatori
Telethon

Argomenti

Animazione e spettacolo

In base al DPR. n°203 dell'aprile 1993, il settore dell'animazione è stato inserito tra i settori dello spettacolo.
Ciò vuoi dire che c'è un aspetto rilevante fra le attività che rientrano in quelle dell'animazione, e che vengono svolte dagli animatori, che riguarda lo spettacolo.
A questo proposito va però precisato che lo specifico dell'animazione è comunque il tempo libero inteso nel senso più completo del termine, e il ruolo professionale e caratterizzante degli animatori è quello dell'organizzazione di programmi ed attività di tempo libero.
Risulta quindi limitante il riferimento esclusivo allo spettacolo, che escluderebbe settori altrettanto importanti quali lo sport e tutte le attività ludiche e culturali tipiche del tempo libero. E risulta perciò errato e fuorviante il summenzionato presupposto legislativo che pretende di assimilare tutti i ruoli esercitati nell'ambito dell'animazione a quelli di "lavoratore dello spettacolo".
Ma, nell'erronea interpretazione del legislatore, si può forse riscontrare proprio il risalto e la sottolineatura di una affermazione dello spettacolo di animazione che fa assumere sempre di più caratteri propri ed originali.
Lo spettacolo di animazione ha conquistato cioè un proprio linguaggio che lo caratterizza e lo distingue dalle altre forme di spettacolo, quelle considerate "ufficiali" e che proprio per questo hanno ancora il potere di assimilare al loro interno generi diversi.
Ma risulta sempre più difficile considerare semplicemente teatro quell'originale mescolanza di spettacolo unito al gioco del coinvolgimento che tende a fare del pubblico il protagonista vero dell'evento-spettacolo e che in questa innovazione di linguaggio ha trovato il successo e milioni di spettatori adulti e bambini che nei villaggi di vacanze, come nelle piazze o in discoteche locali, affollano platee più di quanto accada ormai nel teatro "ufficiale".

animazione e spettacolo

E' forse più giusto parlare di spettacolo di animazione, come pure è più proprio definire gli interpreti "animatori" piuttosto che soltanto attori o ballerini o magari musicisti. Perché quando la finalità dell'evento-spettacolo è quella di coinvolgere e far partecipare al "gioco dello spettacolo" al punto da infrangere e mescolare sia ruoli che luoghi dello spettacolo tradizionale e quindi pubblico e protagonisti, palco e platea allora, pure i ruoli tradizionali degli interpreti si trasformano e anche dove si utilizza la recitazione, la danza o la musica, se la priorità è quella di coinvolgere e far partecipare, in una parola far "giocare allo spettacolo" prevale, di conseguenza, il ruolo o la funzione di animatore, di colui che "anima", su quella dell'attore, del ballerino o del musicista. Lo stesso vale anche per lo spettacolo televisivo, ma qui il gioco è più sottile ed è per questo che il riconoscimento del ruolo dell'animatore fatica ancora ad arrivare a,maturazione! Perché apparentemente qui il pubblico non è presente ....è a casa! Ma se si analizza l'evoluzione più recente dello spettacolo televisivo ci si accorge allora dell'evoluzione del linguaggio del mezzo verso un vero e proprio trionfo della formula animazione.
Perché sempre più, come nell'animazione, il pubblico è il protagonista di ogni spettacolo, che sia chiamato a "giocare" da casa attraverso il telefono o i più moderni sistèmi interattivi, o che sia chiamato a interpretare se stesso, protagonista di storie da raccontare, da discutere, da simulare e perfino da.....spiare!

E, nel tentativo di scaldare quello che per definizione è considerato un "mezzo freddo" perché privo del rapporto diretto; e di restituire partecipazione e protagonismo sottratti in maniera così massiccia proprio dalla passività e dalla incomunicabilità che impone il mezzo, ma evidentemente cosi indispensabili, anche se virtuali e illusori, perché indici di un gradimento che premia i programmi con audience altissime, e indici inoltre di una solitudine sociale di cui lo stesso mezzo televisivo paradossalmente è forse responsabile. Non c'è ormai programma televisivo che possa fare a meno di un pubblico in studio, a sostituzione e rappresentanza (anche se falso perché pagato) di quello vero che è a casa. Ed è con questo pubblico che ormai si gioca e si interagisce, riutilizzando e riciclando tutto il repertorio di giochi e di trovate messo a punto negli anni dagli animatori attraverso l'esperienza di lavoro con il pubblico vero dell'animazione. E' per questo che sono tanti ormai coloro che approdano al successo televisivo nella conduzione di questi programmi basati sui giochi di coinvolgimento del pubblico, provenendo dall'esperienza dell'animazione.

Sarà interessante scoprire che, nella carriera di gran parte degli attuali conduttori o personaggi di maggior successo del mondo televisivo c'è stato un inizio nell'animazione, senza la cui esperienza non avrebbero raggiunto l'attuale successo.

Animazione turistica
Animazione teatrale
Animazione e musica
Animazione socio-culturale
Animazione negli ospedali

Associazione Nazionale Animatori - via della Minerva 7, 00186 Roma - infoline 06.6781647 - ana@associazionenazionaleanimatori.it
Realizzato da Artware Media