zukkastore.it
Home Page Contattaci
Home Chi siamo Cosa offriamo Contatto Privacy policy

Sei in: Animazione e spettacolo, storie di successi

Approfondimenti
Villaggio globale, telematico e turistico
Turismo, turismo culturale e animazione
Animazione e spettacolo, storie di successi
Città animate
Altri contenuti
Formazione
Approfondimenti
Tirocinio e stage
Impegno sociale
La nazionale calcio animatori
Telethon

Approfondimenti

Animazione e spettacolo, storie di successi

Andando oltre l’analisi dell’attuale specialissimo successo di quegli show man, come Fiorello, Bonolis o Mammucari, che affonda le radici proprio in quel loro passato, nel loro stesso inizio come animatori e che, guarda caso, ne fa i personaggi di maggior successo e maggiormente innovativi di tutto il panorama dello spettacolo italiano, al punto da parlare, come nel caso di Fiorello, di una vera e propria rivoluzione della figura del conduttore show man, può essere interessante riflettere sulla connessione imprescindibile che dovrebbe esserci, e che per fortuna, se si analizzano i dati, c’è tra i conduttori di giochi televisivi e la loro provenienza dal mondo dell’animazione.
In Francia, da sempre, i conduttori televisivi di questo tipo di programmi vengono chiamati proprio animatori perché in fondo la metodologia dell’animazione, cioè del coinvolgimento al gioco del pubblico stesso (in studio o anche da casa, attraverso tutte le interazioni possibili per un mezzo di per se antitetico alla partecipazione), è la più adatta e la più linguisticamente propria per fare del pubblico il vero protagonista, come la legge dell’audience ormai categoricamente impone.

La constatazione è, infatti, che aumenta sempre di più il successo di programmi dove, attraverso il gioco o l’esibizione, è il pubblico, o suoi rappresentanti in studio o da casa, a diventare il protagonista. E questi programmi costituiscono ormai una buona fetta del palinsesto televisivo, al punto che anche in Italia sarebbe ormai di buon senso prendere atto che, come nel panorama delle attività di spettacolo esiste ormai una categoria di operatori, peraltro una fra le più numerose (seconda forse per numero di addetti solo a quella dei musicisti, ma prima certamente rispetto ad attori, danzatori ecc.); così anche nell’odierna televisione la definizione di animatore dovrebbe essere ufficializzata, almeno per quella tipologia di programmi dove l’esigenza di una professionalità specifica di “coinvolgitori” non può rimandare a nessuna altra attinenza se non a quella dell’animatore, perché nessuna altra precedente preparazione o formazione, né quella dell’attore, né tanto meno quella del giornalista (!) altra categoria egemone rispetto a gran parte dei profili televisivi, può risultare attinente, per la conduzione di questo tipo di programmi, come quella dell’animatore.

Tanto più che alcuni di questi programmi sono stati ripresi integralmente da programmi messi a punto in quello che costituisce ormai uno dei laboratori più efficaci per la sperimentazione di dinamiche di gruppo, applicate in questo caso allo spettacolo, che ci sia oggi a disposizione perché, criticabile quanto si vuole, è però uno dei pochi luoghi rimasti dove il pubblico c’è (e non sarebbe già poco!) ed è sorprendentemente disponibile a partecipare: il villaggio turistico. Ed infatti, va detto, la provenienza di tutti quelli che hanno fatto il grande salto dall’animazione alla televisione è comunque dall’animazione turistica, che non è l’unico settore dell’animazione, ma in questo caso è si, sicuramente, il settore privilegiato per una pratica di spettacolo con una tipologia di pubblico la più numerosa e disponibile all’interazione che si possa desiderare; perché è un pubblico in vacanza e, quindi, con il massimo del tempo libero e della predisposizione alla voglia di divertirsi e, perciò, di lasciarsi coinvolgere! E comunque, che si tratti di programmi di giochi, di comicità o di conduttori show man, attualmente la provenienza dall’animazione rappresenta la scorciatoia per arrivare al successo televisivo!

Prova ne sia lo sterminato elenco di quelli che, con un passato da animatori turistici, sono assurti all’olimpo televisivo. E che siano ormai tanti lo si può intuire proprio dal numero di quelli che in qualche modo abbiamo contribuito noi stessi, o perché sono stati allievi dei nostri corsi, o perché hanno iniziato a muovere i loro primi passi proprio con noi o, quanto meno, perché ne abbiamo accompagnato la crescita professionale, ad avviare al loro attuale successo. Vale per Enrico Papi, se parliamo di conduttori di giochi, come per i molti altri che ricoprono ormai ruoli di tutto rispetto e notorietà in programmi culto della comicità (Zelig ecc.); oppure in programmi dove risulta fondamentale l’abitudine all’impatto con situazioni di assoluta improvvisazione, come Striscia la notizia o Scherzi a parte.

UN OLIMPO DI TUTTO RISPETTO

E’ nella conduzione televisiva, come dicevamo, che va a confluire, nella maniera più automatica e naturale, la professionalità maturata nell’esperienza dell’animazione; questo perché, come già visto, un animatore può accumulare una pratica di conduzione dal vivo come nessun altro, e in nessun altro settore dello spettacolo. Ne è prova la lista dei più affermati conduttori del momento, tutti provenienti dal mondo dell’animazione: Fiorello, ovviamente, Paolo Bonolis, anche se non tutti lo sanno, Teo Mammucari che invece tiene sempre a ribadirlo! Giancarlo Magalli, che si definisce orgogliosamente il primo animatore turistico italiano (ma in realtà non è esatto, già qualche anno prima che lui iniziasse a lavorare come animatore,cominciava a nascere una prima, sporadica, realtà di animazione italiana!) Pippo Franco, i cui inizi nell’animazione sono proprio al seguito di Magalli; Piero Chiambretti, per anni animatore sulle navi da crociera; Enrico Papi, prima animatore e poi anche titolare di una agenzia di animatori; e poi una lunga lista di conduttori ai confini del cabaret e della comicità, come Peppe Quintale, Gino Cogliandro, Fabio Canino (questi ultimi tuttora impegnati in attività di coordinamento dell’animazione), lo stesso Beppe Fiorello (poi passato al cinema e alla fiction), ecc. ecc.; oppure ai confini di una sorta di giornalismo d’ assalto, dove più che qualità giornalistiche servono proprio requisiti da animatore come i numerosi inviati di Striscia la notizia o de Le Iene. Qualche nome fra tutti: Il Trio Medusa o il duo Mingo e Fabio (che peraltro sono stati per un certo periodo responsabili regionali dell’associazione).

E POI ANCORA...

I sorprendenti approdi a cui può portare un’esperienza nell’animazione, se solo volessimo tenere conto anche degli sconfinamenti nella….politica ( Berlusconi, come tutti sanno, ma anche Confalonieri e Rutelli!), possono essere i più impensabili perché è ormai stimato che una esperienza estiva nell’animazione è una delle più frequenti esperienze di vita della gran parte dei giovani (soprattutto universitari) che si stanno ancora preparando ad entrare nel mondo, non solo dello spettacolo, ma delle professioni in genere. Ed ecco allora manager, chirurghi, avvocati, perfino magistrati col pallino dell’animazione, diventare noti professionisti grazie forse anche a questa insostituibile scuola di vita fatta a contatto con tanta gente e con continui stimoli di affermazione e organizzativi da raggiungere.

Ma è nella COMICITA’, oltre che nella conduzione, che la palestra dell’animazione ha dato da sempre i migliori frutti. Questo perché, oltre ad offrire, per la prima volta, un palco e un pubblico a talenti che altrimenti non avrebbero forse avuto un’altra occasione per scoprirsi tali, offre da anni quella condizione privilegiata di pubblico numeroso e…clemente, ideale per sperimentare testi e repertorio, al punto che anche cabarettisti già in attività scelgono di passare l’estate nei villaggi per unire questa opportunità all’utile (una maggiore stabilità di guadagno) e al dilettevole (le arcinote occasioni di divertimento e vacanza) di quei luoghi!

Ed ecco anche qui nomi di tutto rispetto: Aldo, Giovanni e Giacomo, Antonio Albanese, Giobbe Covatta, I Fichi d’India, una gran parte dei comici di Zelig o degli altri programmi culto della comicità, a dimostrare che, dopo la grande stagione dell’Avanspettacolo e del Varietà a cui si deve la generazione dei grandi comici del passato, l’attuale grandissima stagione della comicità (mai come oggi la comicità ha vissuto un momento di così grande successo popolare e di pubblico!) chissà che non sia maturata proprio nel mondo dell’animazione! Che, per di più, oltre a fungere da insostituibile vivaio e palestra per i nuovi comici, ha avuto anche il merito di abituare un pubblico, quello dei villaggi, quasi mai abituato fuori dall’occasione del villaggio allo spettacolo dal vivo, a rivitalizzare i botteghini anche in città! Perché quello che è successo in questi anni è che la consuetudine a proporre tutti i giorni uno spettacolo a chi si trova in un villaggio o in una delle realtà turistiche nelle quali opera uno staff di animatori, e nelle quali ci si reca per scelte di vacanza e quindi in alcun modo attinenti a motivazioni di spettacolo, ha creato, per i generi di spettacolo proposti in questi luoghi, e cioè la comicità o il cabaret (e, inoltre, il musical) un nuovo pubblico che, se analizziamo ad esempio il caso del musical, ha portato addirittura all’attuale boom di incassi un genere che per decenni era rimasto confinato, invece, solo all’interno di questo circuito dei villaggi! E, rimanendo all’esempio del musical, anche in questo settore sono moltissimi quelli che hanno raggiunto il successo provenendo dall’animazione. Un nome per tutti: Graziano Galatone.

E, PRIMA DI DIVENTARE “DIVI”, ANCHE NEL CINEMA O NELLA FICTION....

Se il mestiere per sbarcare il lunario delle star di Holliwood, quando sognavano ancora il grande successo, era spesso quello del cameriere; per molte star del cinema italiano quello dell’animatore nei villaggi o per le feste di bambini e adulti è stato uno dei modi, oltre che per cominciare a muovere i primi passi nello spettacolo, magari per racimolare i soldi per pagarsi le scuole di recitazione. Ovvio che la pratica di spettacolo fatta nell’animazione, col mondo della celluloide non ha la stessa attinenza riscontrata invece negli altri settori.

E, comunque, se andiamo a vedere, nomi come Massimo Ghini o Francesco Nuti e, fra le donne, Francesca Dellera o Daniela Poggi documentano che, piuttosto che passare attraverso lavori faticosi e poco gratificanti che nulla hanno a che fare con lo spettacolo, quali quelli toccati in sorte alla gran parte dei “divi” in attesa di un posto al sole nello showbiz, quello dell’animatore può essere un buon modo per sbarcare il lunario tra un provino e l’altro con, in più, l’opportunità magari di trovare i contatti giusti facendosi già notare all’opera.

Città animate

Associazione Nazionale Animatori - via della Minerva 7, 00186 Roma - infoline 06.6781647 - ana@associazionenazionaleanimatori.it
Realizzato da Artware Media